Colesterolo LDL: luci e ombre

17 ottobre 2014

Lancet 2014; 384: 607-17

Livelli elevati di colesterolo LDL (c-LDL) comportano un aumentato rischio di sviluppare eventi cardiovascolari (Lancet 2007; 370: 1829-39). I pazienti affetti da ipercolesterolemia familiare eterozigote manifestano segni e sintomi di malattie cardiovascolari tra i 30 e i 40 anni; i pazienti affetti da ipercolesterolemia familiare omozigote possono sviluppare infarto del miocardio e ictus anche prima dei 20 anni (J Lipid Res 2009; 50 (Suppl): S172-77).

 [continua]

Colesterolo HDL e malattie cardiovascolari

16 ottobre 2014

Lancet 2014; 384: 618-625

Il livello plasmatico di colesterolo HDL (c-HDL) è inversamente associato al rischio di sviluppare malattie coronariche e svolge un ruolo fondamentale per predire il rischio cardiovascolare (J Clin Lipidol 2013; 7: 484-525; Circulation 2014; 129 (Suppl 2): S49-73).

 [continua]

Trigliceridi e malattie cardiovascolari

14 ottobre 2014

Lancet 2014; 384: 626-635

I trigliceridi, ormai da 25 anni, sono considerati fattore di rischio per malattie cardiovascolari (Arteriosclerosis 1984; 4: 443-68; Eur Heart J 1987; 8: 77-88; Eur Heart J 1988; 9: 571-600; J Cardiovasc Risk 1996; 3: 213-19). Un valore elevato di trigliceridi è associato...

 [continua]

Realizzato grazie a un educational grant di

Fondazione Lorenzini